Amplificatore Operazionale - schema a blocchi e schema interno

Riportiamo 3 schemi dell'amplificatore Operazionale. Per capire come è fatto prima lo schema  blocchi poi lo schema semplificato infine due schemi dettagliati reali di un AO reale

 

Schema a blocchi

AO-schemablocchi1

Abbiamo un amplificatore differenziale a singola uscita costutuito dalla cascata di due amplificatori differenziali, uno a uscita differenziale  e uno a singola uscita, poi un amplificatore ad elevato guadagno ad emettitore comune o Source comune(quindi o a BJT o a FET) più un eventuale tralatore di livello non indicato nello schema seguito da un amplificatiore in classe B a bassa distorsione che nel caso pratico potrebbe essere un amplificatore a BJT a simmetria complementare. Lo stadio ad alto guadagno CE o CS è accoppiato tramite una certa capacità C indicata in figura che impone l'effetto Miller: per un amplificatore a guadagno negativo tale capacità viene riportata all'ingresso con un valore nettamente maggiore e impone un limite inferiore in frequenza molto basso.

Il seguente schema semplificato è un esempio di tale implementazione

 

Schema semplificato

 

AO-sb1

 

In tale schema abbiamo un amplificatore differenziale con BJT pnp e uno specchio di corrente impone due correnti di collettore uguali sui 2 bjt dell''amplificatore differenziale, come si vede si ha un BJT ad emettitore in comune in cascata al differenziale responsabile della grossa amplificazione del circuito compensato per effetto Miller e un altro stadio amplificatore a simmetria complementare in classe B in uscita.

Schema reale

3

1 Buono
Print Friendly
Cosa ne pensi?
  • Discreto (0)
  • Interessante (0)
  • Noioso (0)
  • Molto utile (1)
CondividiShare on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0
1 vote

Lascia un Commento